Eliminare dalla Carta Costituzionale le ‘Citta’ metropolitane’, un modo “per semplificare l’ordinamento dello Stato” . Questo il disegno di legge, composto da un solo articolo, presentato dai senatori di Forza Italia che denunciano “tutti i limiti normativi della legge Delrio, specie sulla delimitazione delle attribuzioni affidate alle Citta’ metropolitane” . “La convivenza tra Province e Citta’ metropolitane- spiega il senatore Massimo Mallegni – ha prodotto confusione e una moltiplicazione di oneri, andando in direzione opposta rispetto alla volonta’ dichiarata del legislatore di razionalizzare e semplificare a livello locale”.

Con la legge del 7 aprile 2014- proseguono i senatori Fi- si e’ messa in dubbio l’effettiva realizzazione di risparmi. Anzi, e’ stato un attivato un complesso processo di riorganizzazione che ha prodotto un ulteriore aggravio in termini di risorse e organizzazione. “Piu’ che abolire le citta’ metropolitane- osserva ancora Mallegni– vogliamo ridare servizi ai cittadini. La legge Delrio di fatto ha mantenuto le Province e i loro costi, togliendo pero’ le risorse. Sono stati distribuiti sulle Citta’ metropolitane dei poteri inesistenti e il territorio e’ stato tagliato in due. Sono state tolte le risposte ai cittadini, noi interveniamo per ridare loro quei servizi che pagano”.

Contattami
WhatsApp
Messenger
Messenger
Whatsapp

Aggiungi il numero ai Contatti sul tuo telefono e inviaci un messaggio tramite app.

Scrivici su:

+393490986892

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi

Aiutaci a far crescere MassimoMallegni.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi